Prestiti finalizzati

La forma di prestito attualmente più utilizzata è quella dei prestiti personali. Le ragioni del suo successo sono principalmente due:  la facilità con cui si può ottenere il prestito e la convenienza rispetto ad altre formule finanziarie. Oltre i prestiti personali però, esistono una gran varietà di finanziamenti che si adattano ad ogni categoria di persona e ad ogni esigenza.
I prestiti possono dividersi in varie categorie a seconda dei criteri valutati, ma una delle distinzioni più importanti da fare e quella tra i prestiti finalizzati e non finalizzati.


prestiti finalizzati sono finanziamenti legati all’acquisto di un bene concreto; sono convenienti quando  è chiaro il prodotto d’acquistare, l’importo necessario e la modalità di restituzione. Al momento della richiesta dei prestiti finalizzati, è quindi necessario consegnare, oltre alla normale documentazione,  un documento comprovante i motivi per cui si ha bisogno di quella determinata somma.
La somma richiesta, in questi casi, può essere molto elevata; questa non verrà però liquidata al richiedente del prestito, ma al titolare del bene che il richiedente stesso andrà ad acquistare. In alcuni casi, la banca può decidere di mettere un’ipoteca sul prodotto acquistato come garanzia contro l’ insolvenza da parte del richiedente.
Tra i Prestiti Finalizzati rientrano i Prestiti Arredamento, i Prestiti Vacanze, i Prestiti Studenti, i Prestiti al Consumo, i Prestiti Auto, ecc.

prestiti non finalizzati invece, sono finanziamenti nei quali non è richiesta nessuna motivazione e, per tanto, la società finanziaria non richiede documenti che giustifichino la richiesta del prestito. Il credito ottenuto può essere impiegato per qualsiasi scopo.
Tra quest’ultimi rientrano i prestiti Cessione del Quinto, la Delega di Pagamento e i Prestiti Cambializzati.


L’elemento differenziante le due categorie di prestito personale risiede quindi nella giustificazione dello stesso: indispensabile per il primo tipo, non necessaria per il secondo.

Leave a comment